Chi siamo

LAURAEDARIOSTUDIO DI PSICOLOGIA E DI PSICOTERAPIA

Siamo due psicologi-psicoterapeuti con un comune back ground formativo e una lunga condivisione di riflessioni ed esperienze lavorative. Ci siamo specializzati insieme alla SPP – Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica, dove abbiamo potuto approfondire i nuovi orientamenti relazionali della psicoanalisi e i più recenti studi sulle interconnessioni tra psicoanalisi, nuove teorie della mente e regolazione affettiva.
Inoltre, siamo uniti da un comune interesse per la politica professionale, che ci ha portato prima ad essere fondatori e rappresentanti del CPPP – Coordinamento Psicologi e Psicoterapeuti Piemontesi (movimento nato nel luglio 2010) e poi ad essere eletti come Consiglieri all’Ordine degli Psicologi del Piemonte.
Abbiamo collaborato, e collaboriamo tutt’ora, con diverse Associazioni no profit presenti sul territorio, che offrono servizi di psicologia alle fasce meno agiate della popolazione.
Sulla base di questo retroterra comune, ci diversifica l’interesse e l’esperienza che ciascuno di noi ha sviluppato per particolari aree o tematiche, all’interno della psicologia/psicoterapia ma non solo.
[Di seguito un video ad una nostra intervista su Retecomomy di Sky: http://www.reteconomy.it/programmi/buongiorno-economia/2014/maggio/29-non-ci-sono-piu-soldi/puntata-integrale.aspx]


Dott.ssa Laura FachinLAURA

3467368760
laura.fachin@libero.it

Formazione

All’interesse per la psicoanalisi sono giunta “virando” dalla mia precedente passione per la filosofia, disciplina in cui ho conseguito la laurea nel ’99, presso l’Università La Sapienza di Roma. Essendomi occupata principalmente di autori tedeschi (mi sono laureata su Hegel) ho proseguito gli studi in Germania, a Berlino, dove ho poi deciso di iniziare il lungo iter per diventare psicoterapeuta iscrivendomi alla Facoltà di Psicologia della Freie Universität. Con la lingua tedesca ho mantenuto qualche contatto anche in anni recenti, traducendo vari testi tra cui scritti di Marx-Engels e un saggio di Martin Buber.

Esperienza lavorativa

Nel campo specifico della mia attuale professione, mi interessano molto i tentativi di comprendere e descrivere le caratteristiche, il funzionamento e lo “stile” di personalità di ciascun individuo, sostituendo una comprensione più articolata, fluida e individualizzata alle tradizionali etichette diagnostiche e ai poco utili elenchi di sintomi. Da questo punto di vista, il “trattamento” dei Disturbi di personalità si configura come una presa in carico globale dell’individuo, il quale, attraverso la riflessione e la relazione con il terapeuta, ha la possibilità di visualizzare e riconfigurare in modo più flessibile i propri schemi relazionali e raggiungere una maggiore integrazione e apertura all’esperienza.

Il trattamento di particolari costellazioni sintomatiche, come sindromi ansioso-depressive, fenomeni ossessivi e/o compulsivi, disturbi di tipo somatico, disordini alimentari ecc. avviene sempre all’interno della relazione terapeutica con le modalità e finalità sopra tratteggiate, configurandosi come ricerca dei significati personali che il sintomo può avere per l’individuo specifico che ne è portatore.

Rivolgo particolare attenzione allo sviluppo degli aspetti nucleari della personalità — orientamento sessuale-affettivo (omo-, bi- o eterosessuale) e identità di genere — un compito che impegna il soggetto soprattutto durante l’adolescenza e la giovane età; in quest’area, mi interesso in particolare delle problematiche proprie alle identità transessuali.

Ho esperienza come consulente in varie tematiche, quali: problemi nell’area lavorativa (disoccupazione, precarietà, burn out, lavoro in contesti altamente conflittuali); difficoltà nell’elaborare o portare avanti un progetto di vita (ad es. studio, pianificazione del lavoro, riconfigurazione della vita relazionale dopo una separazione); difficoltà legate alla grave malattia di un parente di cui ci si prende cura (per es. in caso di psicosi o di sindrome Alzheimer).

Ho svolto e svolgo tutt’ora interventi di tipo psicopedagogico/educativo con adolescenti e adulti, per lo più con pazienti psichiatrici o affetti da dipendenza patologica.

Infine, da oltre un anno lavoro come supervisore clinico in un Comunità educativa che accoglie minori provenienti sia dall’ambito civile che da quello penale.


DARIODott. Dario Fieni

3489819345
dariofieni@gmail.com

Formazione

Da sempre interessato al rapporto tra psicologia e creatività mi sono dedicato dai primissimi anni di formazione allo studio dell’impiego dell’arte in psicoterapia. Ciò mi ha avvicinato all’arteterapia, allo psicodramma e a tutte le metodologie di lavoro di gruppo in cui l’atto creativo è al centro. In particolar modo mi sono occupato del valore intrinsecamente terapeutico della scrittura, conducendo e studiando il suo utilizzo sia in psicoterapie di gruppo che individuali.

Esperienza lavorativa

Ho dedicato molti anni della mia esperienza professionale alla psichiatria, collaborando, sia durante la formazione che successivamente, con molti servizi del territorio e cooperative torinesi. Ho cercato da sempre di dedicarmi allo studio di tutti quegli approcci alla malattia mentale, sia teorici che pratici, centrati al superamento dei pregiudizi che ammantano, purtroppo ancora oggi, coloro a cui è stata fatta una diagnosi psichiatrica.

Altro grande spazio ho dato al lavoro terapeutico rivolto al superamento  delle problematiche relazionali e comportamentali di adolescenti, avendo modo di assistere numerosi ragazzi e lavorare in stretto contatto con la maggior parte dei servizi di Neuropsichiatria Infantile della città.

Tale interesse più recentemente mi ha portato a lavorare presso una importante Onlus torinese per la quale ho condotto gruppi di adolescenti con handicap mentale e fisico ed ho gestito uno sportello rivolto a persone con handicap ed ai loro genitori. Tale esperienza è stata per me estremamente formativa ed arricchente a livello personale.

Altro ambito di mio particolare interesse è legato alle problematiche psicologiche affrontate dai giovani adulti all’interno della nostra società. Con giovani adulti si intende oggi quella fascia di età compresa tra i venti e i trent’anni nella quale si ha a che fare con problemi sociali peculiari e nuovi: dalle difficoltà lavorative che prevedono un mondo del lavoro sempre più instabile e depersonalizzante a quelle relazionali nell’era dei social network e di internet.

Sono anche consulente per la comunicazione e per le nuove tecnologie per conto di alcune realtà formative ed associazionistiche del territorio torinese.


Lo studio di Psicologia e Psicoterapia si avvale di consulenza psichiatrica.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>